imbianchina

Publié le par Kit

Ultimi tre giorni dell'anno di lavoro quasi ultimati. Tre giorni di calma, in ditta invece che i soliti 20 siamo in meno di 10 e così ne ho approfittato per fare l'imbianchina. Era da settembre che dicevo che i muri del montacarichi facevano schivo che andavano inbiancati e aveva anche già comprato la vernice bianca.

Il 27 ovviamente non stavo bene, la mattina, ma al pomeriggio ho messo una vecchia felpa (che mi ero portatata apposta) le vecchie superga e via in officina a diluire la vernice. E poi come una vera (più o meno) imbianchina ho steso un telo di plastica sul pavimento e mi son messa ad imiancare col rullo e la pennellessa. Ho schizzato vernice un po' dappertutto (me compresa) all'inizio, ma mi sono divertita una cifra. Dopo la prima mano ho lavato rullo e pennellessa il pavimento e poi me stessa. Tornando a casa avevo i pantaloni schizzati di bianco, ma non poteva fregarmene di meno!

Ieri  sono uscita di casa con gli stessi pantalobni schizzati di vernice e ho dato la seconda mano, stesso procedimento un po' meno schizzi in giro, un po' perchè ho diluito meno la vernice, un po' perchè alla fin fine ci ho preso un po' la mano. Alla fine ho lavato tutto veramente per bene, credo di aver passato lo staccio in posti che non en avevano mai visto uno... Tornando a casa avevo i pantaloni ancira più schizzati, ma come il giorno prima non m'importava, anzi ne ero orgogliosa: sapevo di aver fatto un buon lavoro (era la prima volta che imbaincavo qualcosa) e poi non c'è niente di cui vergognarsi nel fare l'imbianchino, anzi guadagnano più di me!

Sapete che vi dico? Che ora vado a rimirare un po' il mio lavoro.

 

 

 

Publié dans Kitchan

Commenter cet article